Vai al contenuto
Home » Centella: proprietà, usi e controindicazioni

Centella: proprietà, usi e controindicazioni

Centella asiatica, benefici e proprietà

La centella viene ampiamente utilizzata nel settore fitoterapico per i grandi benefici che offre all’organismo. La centella asiatica appartiene alla famiglia delle Apiaceae ed è ricca di flavonoidi, tanniti, saponine triterpeniche e altre sostanze che la rendono ideale per prevenire l’insufficienza venosa, intervenire in caso di emorroidi, cellulite e accelerare la guarigione delle lesioni cutanee e le ustioni. Vediamo adesso nel dettaglio i benefici, le controindicazioni le modalità di utilizzo.

Benefici della centella asiatica

La centella è una delle piante più note a livello fitoterapico per le sue numerose proprietà. Tutto merito dei principi attivi. Flavonoidi, tannini, sali minerali, saponine e oli essenziali sono solo alcuni. Ma a livello pratico, la centella asiatica, cosa può fare per noi?

  • Combatte la cellulite: migliora lo stato di salute della microcircolazione, la quale quando è poco efficiente, porta appunto alla formazione del famoso inestetismo cutaneo.
  • Contrasta la formazione delle rughe: la veloce rigenerazione cellulare promossa dalla centella e l’aumento di produzione del collagene aiuta a prevenire la formazione prematura delle rughe.
  • Previene la formazione delle vene varicose: la centella riduce la dilatazione venosa e la permeabilità capillare. In questo modo previene varice e capillari rotti.
  • Insufficienza venosa: famoso rimedio naturale per prevenire l’insufficienza venosa, la quale porta a numerosi sintomi quali gonfiore e pesantezza degli arti inferiori, ma anche crampi notturni ed emorroidi.
  • Accelera la guarigione dell’epidermide: ha una proprietà eudermica, cioè promuove la formazione delle nuove cellule epidermiche. Questo si traduce in una guarigione più rapida dei tessuti in caso di lesioni, ustioni, piaghe ma anche dermatite e psoriasi. Le sue proprietà cicatrizzanti sono note anche nella medicina Ayurvedica e quella cinese, specialmente quando si parla delle piaghe e delle ulcere venose.

Centella, tutti i metodi di utilizzo

La centella può essere utilizzata nel campo del benessere e della bellezza in diverse forme. E’ possibile acquistare per esempio la tintura madre, ma anche numerose creme e gel realizzate con il suo estratto.

Altrimenti le foglie di centella sono perfette per la realizzazione di un infuso. Versando un cucchiaio di foglie di centella in una tazza d’acqua bollente e lasciandola in infusione per 10 minuti, si ottiene un prodotto ideale per combattere i problemi di circolazione.

Per quanto riguarda la tintura madre, basta assumerne nella dose di 80 gocce in un litro d’acqua e nell’arco della giornata. Infine si trovano in commercio gli integratori naturali in compresse o capsule.

Curiosità botaniche

La centella è una pianta erbacea perenne, dove le foglie in gruppi di 4 o 5 si dispongono in rosette e lungo le asticelle crescono dei fiori violacei con delle sfumature rossastre. Nasce spontanea nei paesi tropicali e subtropicali come Madagascar, Venezuela, Brasile e Pakistan, vicino ai corsi d’acqua.

Controindicazioni ed effetti collaterali

La centella asiatica se assunta nelle giuste quantità non ha particolari controindicazioni o effetti collaterali. Principalmente è noto che può provocare fotosensibilità, perciò per evitare effetti collaterali è bene nel periodo della sua assunzione di esporsi per un periodo prolungato a sole e di non utilizzare lampade abbronzanti.

L’uso della centella è controindicato anche in fase di allattamento e gravidanza, così come per i soggetti che sono allergici alla pianta.