Vai al contenuto
Home » Magnesio Gluconato: benefici e come riconoscere la carenza

Magnesio Gluconato: benefici e come riconoscere la carenza

Come si può intuire dal nome, il gluconato di magnesio non è altro che una delle varie forme di magnesio e viene utilizzata come integratore alimentare per poter intervenire sull’organismo la dove c’è una carenza di magnesio.

E’ il sale di magnesio dell’acido gluconico e secondo uno studio, è quello che possiede il livello più alto in assoluto di biodisponibilità se paragonato a qualsiasi altro sale di magnesio. Ecco perché lo si trova spesso come ingrediente negli integratori il cui scopo è proprio quello di aumentare i livelli di magnesio nel corpo.

Il magnesio allo stato puro ha un colore argento che si opacizza quando entra in contatto con l’aria. E’ l’ottavo elemento più abbondante e rappresenta all’incirca il 2,3% di tutta quanta la crosta terrestre. E’ importante perciò per il pianeta, per la fabbricazione di oggetti, ma anche per le reazioni fisiologiche nelle quali ha ruoli particolarmente importanti.

Benefici del gluconato di magnesio

Il gluconato di magnesio per molto versi ha le stesse proprietà del magnesio. In questo specifico caso però sembra che possa influenzare fortemente il metabolismo energetico dei mitocondri e in molte occasioni viene utilizzato per trattare le malattie cardiache, come alcune aritmie.

Assumere integratori a base di gluconato di magnesio alcune volte può essere la scelta migliore, perché svolge delle azioni importanti in più ambiti.

  • Azione distensiva: svolge questo importante compito sul sistema nervoso, portando così a una riduzione dell’eccitabilità dei muscoli. Questo grazie all’abbassamento dei livelli di adrenalina.
  • Utile per i crampi: assumere un integratore a base di magnesio aiuta a sciogliere i crampi.
  • Scioglie le tensioni: per tensione si intende per esempio il mal di testa, ma anche il nervosismo, così come i dolori di stomaco provocati dall’ansia oppure la tachicardia.
  • Dona energia: a livello fisiologico il magnesio svolge un’azione molto importante nei confronti della coagulazione sanguigna, ma anche nel metabolismo lipidico, proteico e glucidico. Questo fa si che possa produrre una quantità superiore di energia.
  • Azione vasodilatatrice: il magnesio permette di mantenere il pH nel sangue equilibrato. Questo fa si che tutto il ritmo cardiaco ne risenta positivamente.

Quanto magnesio gluconato assumere al giorno

Sono sempre da seguire le indicazioni riportate sulla confezione dell’integratore. Il produttore infatti indica, in base alla quantità presente in ogni compressa, quante assumerne al giorno e per quanto tempo.

Generalmente l’apporto giornaliero consigliato di magnesio con l’alimentazione è di 5 mg per kg di peso. Un valore che può salire, basta pensare che una donna incinta dovrebbe assumere 10 mg per kg di peso. Il magnesio poi si deposita nel corpo all’incirca nella quantità di 25 mg, di cui la maggior parte della quantità si trova nelle ossa e nei muscoli.

Carenza di magnesio come riconoscerla

La carenza di magnesio può essere prevenuta o risolta di solito con l’alimentazione, altre volte invece occorre assumere integratori alimentari.

Tra i sintomi più comuni di una carenza di magnesio troviamo l’irritabilità, un umore depressio, problemi a dormire, crampi muscolari e astenia. Nei casi più gravi invece può portare anche ad aritmie cardiache, così come all’ipertensione arteriosa.

Una donna in gravidanza ha bisogno di una maggior quantità di magnesio perché l’eventuale carenza potrebbe portare a contrazioni uterine e di conseguenza a un parto prematuro.

E’ davvero raro invece sentir parlare di eccesso di magnesio, soprattutto se la sua assunzione è di tipo esclusivamente alimentare.